Home / Principali proprietari di infrastrutture

Principali proprietari di infrastrutture

Principali proprietari di infrastrutture

La Bentley Infrastructure 500 del 2023

Classifica dei principali proprietari

La Bentley Infrastructure 500 è una graduatoria mondiale annuale dei principali proprietari di infrastrutture, sia pubblici che privati. Le graduatorie consentono di confrontare facilmente i livelli di investimento tra tipi di infrastrutture, regioni del mondo e organizzazioni pubbliche e private.

Bentley Systems redige la Bentley Infrastructure 500 affinché tutti a livello globale possano apprezzare e scoprire l'importanza degli investimenti nelle infrastrutture e il potenziale per incrementarne costantemente il ritorno. Il valore di Bentley Infrastructure 500, pari a 19,37 trilioni di dollari, è superiore alla somma del PIL del 2023 di Cina e India. Bentley si impegna a incrementare il ritorno sugli investimenti nelle infrastrutture passando al digitale con soluzioni innovative che migliorano la project delivery e le prestazioni degli asset.

I 10 principali proprietari della Bentley Infrastructure 500

Risultati dei dati per l'anno 2023

  1. GOVERNO DEGLI STATI UNITI – 574.300 USD
  2. SURGUTGAZPROM – 262.949 USD
  3. EXXONMOBIL — 204.692 USD
  4. ROYAL DUTCH SHELL – 198.642 USD
  5. ELECTRICITE DE FRANCE – 194.065 USD
  6. NATIONAL HIGHWAYS (ENGLAND) – 193.736 USD
  7. AMAZON — 186.715 USD
  8. MINISTERO DELLA DIFESA (REGNO UNITO) – 173.276 USD
  9. STATO DELLA CALIFORNIA — 157.893 USD
  10. STATO DEL TEXAS – 151.499 USD

*Tutte le cifre sono espresse in milioni di dollari

Cover della brochure del 2023 dei principati proprietari, Bentley Infrastructure 500

Informazioni sulla Bentley Infrastructure 500

La Bentley Infrastructure 500 rappresenta la graduatoria dei proprietari in base al calcolo delle immobilizzazioni materiali dichiarate (o altri asset fisici non correnti paragonabili, come edifici o strutture fisse, terreni e macchinari). La graduatoria include enti del settore pubblico e privato con dati finanziari registrati negli ultimi tre anni (per garantire la flessibilità al variare delle scadenze della rendicontazione). I valori presentati sono determinati al netto di svalutazioni e ammortamenti e sono calcolati al fine di escludere, laddove i dati sono disponibili, gli asset non rappresentativi delle infrastrutture, come apparecchiature, arredi e software.