Logo bianco di Bentley Systems
Home / ES(D)G / ESDG / Transizione energetica / Campagna di perforazione del progetto geotermico di Tauhara
Esplora altre storie sulle fonti rinnovabili e sulla rete

Campagna di perforazione del progetto geotermico di Tauhara

Contact Energy amplia le fonti di energia rinnovabile con la stazione geotermica di Tauhara

Sfida nell'ambito della sostenibilità

Transizione energetica

Immagine di un motore a turbina in una fabbrica.

Punti salienti della storia

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite rilevanti

OSS 7, energia pulita e accessibile.

OSS 9, imprese, innovazione e infrastrutture.

OSS 13, lotta contro il cambiamento climatico.

Software utilizzati

Leapfrog Geothermal, Seequent Central

Luogo

Nuova Zelanda

Organizzazione/Azienda

Contact Energy

Nell'ambito dell'impegno di Contact Energy ad ampliare il proprio portafoglio di fonti di energia rinnovabile, l'organizzazione ha recentemente completato la stazione geotermica di Tauhara da 174 megawatt, la sesta nell'area dell'Isola del Nord centrale. Il progetto, del valore di 818 milioni di dollari neozelandesi, utilizza pozzi di produzione e iniezione geotermica per collegare i serbatoi geotermici alla stazione stessa. Per individuare in modo efficiente i giacimenti, che si trovano tra 1,7 e 3 chilometri sotto la superficie, Contact Energy ha utilizzato le applicazioni di Seequent, la società di Bentley che opera nel sottosuolo, per visualizzare completamente i dati geologici in uno spazio 3D. Con una conoscenza completa dell'area, Contact Energy ha perforato più pozzi dalla stessa posizione, risultando in una minore impronta ambientale. La stazione elettrica, ora operativa, elimina oltre 500.000 tonnellate di emissioni di carbonio all'anno e genera il 12% dell'elettricità della Nuova Zelanda.